In memoria del Prof. Antonio Ascione, il medico epatologo da sempre attento alla comunicazione con i pazienti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

11.01.2023 – Lutto nel mondo dell’epatologia italiana e internazionale.

Ci lascia il Prof. Antonio Ascione, medico epatologo e membro del board scientifico di Paginemediche.

Primario di Epatologia presso l’Ospedale AORN A. Cardarelli di Napoli fino al 2008, Dirigente del Centro per le malattie del fegato dell’Ospedale Fatebenefratelli di Napoli a partire dal 2009 dove ha svolto una intensa attività di ricerca, soprattutto su nuove terapie per le epatiti croniche virali, e Presidente della Associazione Mediterranea per lo studio del fegato, il Dr. Antonio Ascione si è occupato di malattie del fegato per oltre 40 anni ed è stato per Paginemediche un riferimento nella definizione e sviluppo dei servizi di salute digitale che oggi mettiamo a disposizione di medici e pazienti.

Con il dottore Ascione abbiamo messo in piedi il servizio dell’Esperto Risponde, dando vita all’era di quella che poi sarebbe diventata la telehealth; insieme con lui abbiamo creato contenuti e approfondimenti video, aiutando milioni di persone in Italia a saperne di più sulle malattie del fegato e a capire come gestirle.

Ha sempre curato con grande impegno la comunicazione con i pazienti, con una indescrivibile carica di umanità. Ed è stata proprio l’umanità la cifra dominante del Prof. Antonio Ascione. Ne siamo convinti perché abbiamo avuto l’onore di conoscerlo, di ascoltarlo, di comprendere attraverso i suoi suggerimenti le esigenze di medici e pazienti.

C’è un libro che ha scritto insieme a un suo paziente, Giovanni Ruggiero, giornalista di Avvenire. È un libro che si legge tutto d’un fiato, un libro in cui Antonio Ascione medico non esita a comunicarci le sue osservazioni, i suoi dubbi, le sue impennate, la sua capacita di “farsi uno” con Giovanni. Il libro si intitola “Abbiamo vinto. Insieme”, perché è insieme che medico e paziente vivono l’avventura della malattia, del trapianto di fegato e della “vittoria”, ed è forse una delle più belle testimonianze che il Dottore Ascione ci ha lasciato.

Mancherà a molti, mancherà alla sua famiglia, mancherà ai suoi pazienti, mancherà a tutti noi del team di Paginemediche. Ma l’eredità che ci lascia è grande: la capacità di sapere sempre osservare da un punto di vista professionale e umano.

Si nasce con una sola certezza: che un giorno lasceremo questa Terra. Quando e come non ci è dato saperlo, ma quello che possiamo realizzare nel mentre è quello che rende uniche le nostre vite e che ci permette di continuare a vivere nel ricordo degli altri.

Siamo vicini alla famiglia Ascione ed esprimiamo le nostre più sentite condoglianze a Roberto Ascione.

Ciao Prof! che la terra ti sia lieve ❤️.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulla digitalizzazione del sistema sanitario italiano.